TRATTAMENTI LASER

Trattamenti Laser

Gli obiettivi ed i risultati del trattamento laser dipendono, oltre che dal tempo di esposizione e dalla dimensione del bersaglio, anche e soprattutto dalle caratteristiche della luce laser incidente: lunghezza d’onda, potenza e grado di focalizzazione del fascio.
L’interazione tra un fascio laser ed un sistema biologico sono quindi molto complessi, ma gli effetti prodotti sono principalmente tre:

  • effetto fotomeccanico, per sezionare i tessuti
  • effetto fotochimico, per asportare i tessuti
  • effetto termico, per coagulare i tessuti

Il laser più nel dettaglio

Grazie agli studi di Townes e Schawlow nel 1958 fu coniato il nome di LASER per indicare l’amplificazione di luce mediante emissione stimolata di radiazione.

Il Sole, un fuoco, una lampada, sono tutti esempi di sorgenti di radiazione elettromagnetica visibile. In queste fonti luminose “tradizionali” ciascun atomo si comporta a sua volta da sorgente indipendente; i fotoni vengono così prodotti da salti energetici diversi (e quindi con frequenze diverse) e senza relazione di fase. Confinando un mezzo all’interno di un risonatore ottico.

Di tutti i fotoni emessi spontaneamente – ed eventualmente amplificato – l’unico che non verrà assorbito dalle pareti sarà quello che si propaga ortogonalmente ai due specchi. Questo continuerà a riflettersi e quindi a moltiplicarsi all’interno del mezzo attivo.

Il fascio così generato è composto da fotoni identici a quello di partenza e quindi intenso, direzionato, coerente e monocromatico.

Trattamenti Laser

Rimozione Tatuaggi Laser – Esperienza dopo 6 mesi

Utilizzo della tecnologia Laser ad Alessandrite con impulsi in picosecondi per la rimozione dei tatuaggi: Esperienza personale a sei mesi RIASSUNTO: Sono stati trattati nell’arco di 6 mesi i tatuaggi di 108 pazienti, di età media 33 anni e fototipo da I a IV secondo...

La bellezza appesa ad un filo

FTC Lift (Fine Thread Contour ) è un innovativo trattamento per viso e corpo che, attraverso l’inserimento, senza incisioni, di fili di biostimolazione in PDO (Polidioxanone), nel tessuto cutaneo, con un trattamento esclusivamente ambulatoriale, riesce ad...